Verso un nuovo mattino. Enrico Camanni

Brani tratti dall’ultimo libro di Enrico Camanni “Verso un nuovo mattino. La montagna e il tramonto dell’utopia”

“… ho conosciuto molti ragazzi e molti uomini che avevano trovato nell’alpinismo il compenso al loro fallimento nella vita di ogni giorno. Uomini che avevano dato e che danno caparbiamente tutto se stessi alla montagna, con l’illusione di trovare un’affermazione che li ripaghi da tutte le frustrazioni. Alcuni si illudono di essere qualcuno, credono di essere importanti, solo perché nell’alpinismo hanno raggiunto il vertice. Ma se tu li trasporti in un altro ambiente, se li inserisci in un differente contesto sociale, allora li vedi incapaci di sostenere un dialogo qualsiasi …” (I falliti, di Gian Piero Motti)

Lo scalatore che impara a vivere come gli altri è un rivoluzionario, pensa Motti. non esiste alcuna superiorità in chi pratica l’alpinismo. La persona non si misura dalla temerarietà o dall’abilità di fuga, ma dalla sensibilità umana. Scappare in montagna è inutile perché la quotidianità prima o poi ti riprende e ti presenta il conto.

La cima delle montagne non sarebbe un male, di per sé, se gli alpinisti non fossero costretti a raggiungerla. Quante volte si sente dire che quel tale ha fallito perché non è arrivato in vetta! Quanti scalatori rischiano la pelle per salire in cima con il mal tempo, con il mal di pancia, con la voglia di tornare indietro! Non ci sarebbe niente di sbagliato a desiderare la cima se si fosse libero di non farlo. Sarebbe bello andarci un pò per caso, in un tiepido pomeriggio d’estate, quando il cielo si spalanca e le gambe dicono “proseguiamo”, e sarebbe ancora più bello non andarci se si è stanchi di salire, sazi di arrampicare, se il gioco è durato abbastanza. Perché giocando ci si diverte, diversamente si soffre.

(Enrico Camanni)