foto_gruppo_storica

Storia

Alpiteam nasce, spontaneamente, nel 1986 ad opera di istruttori nel rispetto dei regolamenti della CNSASA, e fa della “territorialità” la sua caratteristica principale. Non appartiene ad una particolare sezione, ma opera in ambito territoriale lombardo, ponendo le proprie risorse tecniche a disposizioni di sezioni, gruppi e associazioni che ne richiedono l’intervento.

Dalla fine anni ’80, Alpiteam organizza corsi di alpinismo per la Comunità Terapeutica” Arca” di Como che opera nel campo delle tossicodipendenze. Un’ esperienza nata quasi per caso, un’esperienza nata da alcune domande di senso che gli istruttori fondatori del gruppo si sono posti: qual è il ruolo sociale di una scuola di alpinismo del CAI nei confronti dei soggetti più deboli? L’alpinismo può offrire loro un’opportunità di crescita e di riscatto?

Il contatto con la CT Arca venne dato da un suo operatore che era anche istruttore di Alpiteam: iniziò così un percorso di ricerca e di sperimentazione.

La risposta a queste domande è il frutto di un processo ancora in atto, una risposta che ogni anno ci viene fornita dai ragazzi che partecipano al corso e dai loro educatori. E cioè che l’andare in montagna vissuta nelle sue diverse dimensioni e la frequentazione di ambienti naturali di particolare bellezza, occupa un posto di rilievo nel programma riabilitativo della CT per la sua valenza educativa.

Sapersi porre una meta impegnativa, allenarsi per affrontarla, reggere la fatica, misurare le proprie forze e scoprire i propri limiti; dare continuità alla propria motivazione arricchendola nella relazione con gli altri, sono elementi che si acquisiscono durante tale esperienza e che restano come fattori strutturanti il percorso residenziale.

Molti ragazzi in questi anni  hanno partecipato ai corsi organizzati dalla nostra scuola, hanno trovato giovamento per se stessi e per il loro percorso comunitario. Alcuni vanno ancora in montagna, altri hanno  fatto parte del nostro gruppo, qualcuno è un nostro istruttore. Altri se ne sono tornati “perdendosi” nello stile di vita precedente, altri si sono “ritrovati” a rispondere al proprio desiderio di cambiamento.