Medaglia d’oro 2018 del CAI a Giuliano Fabbrica

Sabato 26 maggio, durante l’Assemblea nazionale dei delegati 2018 tenutasi a Trieste, é stata conferito la Medaglia d’oro a Giuliano Fabbrica (INA Emerito di alpiteam).

Ecco i suoi ringraziamenti:

Grazie.
Sentire le parole belle, pacate e penetranti di Luca, percepire lo sguardo paterno della presidenza del CAI e cogliere l’empatia di questa assemblea, di voi delegati, mi fa molto onore e di ciò vi ringrazio. Ma è soprattutto la presenza forte e l’ indelebile eredità storica di questo Sodalizio, che voi oggi degnamente rappresentate, che mi accoglie impreparato.
Non m’aspettavo alcuna riconoscenza, né l’ho cercata né voluta. Ho solamente amato la montagna, l’ho vissuta e rispettata; l’ho fatta amare ad altri, l’ho fatta vivere e rispettare ad altri. Ed è per questo che ho scelto di diventare Istruttore Nazionale, perché ho creduto nelle scuole del CAI , perché mi sono battuto per la loro evoluzione e perché diventassero espressione e memoria di esistenze di uomini e donne che hanno fatto la storia dell’Alpinismo.
Sono qui, su questo palco, con tibie traballanti. Sento su di me la vostra riconoscenza, la vostra stima, il vostro grazie. Sento una gioia immensa che mi confonde.
Grazie a Camilla, mia moglie, e ai miei figli che mi hanno sostenuto, sopportato, criticato.
Grazie agli istruttori di Alpiteam che hanno creduto, lottato, pensato, agito e che tuttora sfidano le difficoltà e portano ad altre realtà terapeutiche la propria sfida e visione.
Grazie a tutti coloro, e sono tanti, che hanno aiutato e aiutano il vivere di questa esperienza.
Un’esperienza particolare, significativa: umana, didattica, alpinistica.
Grazie a Don Aldo Fortunato fondatore e animatore instancabile della Comunità Arca di Como che ci ha lasciato nel 2016.
Grazie alle esistenze “scartate, devianti, emarginate, umane, sensibili, fragili e forti allo stesso tempo dei ragazzi che hanno frequentato i nostri corsi di alpinismo, in questi 32 anni. Mi hanno arricchito, ci hanno arricchito.
E qui cito Erri De Luca: “ E poi per me pesa pure il pensiero di essere un resto di parole di altri, che altri non possono più dire. E’ una responsabilità che m’imbarazza, perché dico le storie anche per loro, gli assenti….. E così penso che le mie sono pure storie loro, che io porto e le contengo, e quando muovo le labbra si stanno muovendo anche le loro…..”
Vorrei concludere con un auspicio, con una speranza. Non fate cadere il messaggio di Alpiteam, sostenete tutte quelle esperienze di solidarietà e gratuità, di cui il CAI è ricco e sa di esserne fiero.
Grazie ancora e un abbraccio di riconoscenza e gratitudine, mio e di Alpiteam.

IMG-20180526-WA0005

Approfondisci

Festa del turismo dolce sulle Alpi. Alpiteam ci sarà

“Il turismo alpino è profondamente cambiato. Dalla visione consumistica della seconda metà del Novecento, sul finire del secolo si è passati al “consumo di emozioni”, sommariamente accorpate sotto stereotipate voci (sport, cultura, gastronomia, divertimento). Poi la domanda si è evoluta ulteriormente, e oggi una buona metà dei turisti della montagna non si accontenta di vivere un’emozione: vuole tornare a casa con un’esperienza. Da consumatore passivo, prodotto egli stesso del mercato turistico, il viaggiatore del XXI secolo vuole diventare protagonista attivo, consapevole e competente. È il cosiddetto “turista responsabile”, che pratica un turismo dolce o sweet.” Tratto dal sito www.solstizionellealpi.it

Acceglio, Valle Maira, 22, 23, 24 giugno 2018

Alpiteam, sarà in Valle Maira il sabato 23 e la domenica 24 per il Corso di Alpinismo, nel contempo il sabato pomeriggio porterà la sua testimonianza alla Festa del turismo dolce sulle Alpi.

Approfondisci

Ciao Renata!

Grazie Renata per la tua sensibilità e amicizia. Un grazie sentito e forte per l’aiuto che ci hai dato, perchè ci hai sostenuto, perchè hai creduto in noi. Non solo Alpiteam ha potuto attingere dalla tua lungimiranza, ma tutto il Club Alpino Italiano si è arricchito per la tua testimonianza.

Sei e resti un ricordo vivo che rimarrà nella memoria di Alpiteam.

Ciao Renata

Approfondisci

Pranzo sociale 2017

Domenica 26 novembre, si è svolto il pranzo sociale. Una bella giornata in compagnia. Tra gli ospiti: i ragazzi del corso di alpinismo 2017 della Comunità Terapeutica Arca di Como; gli amici Sergio Longoni (Sportspecilist), Renato Aggio (Presidente Regionale CAI), Matteo Bertolotti e Marcello Noseda (Presidente e Vicepresidente Commissione Lombarda Scuole di Alpinismo e Sci alpinismo); l’amico Gabriele Bianchi (Past-President Generale CAI).

Un grazie speciale a tutti/e per la partecipazione.

 

foto della giornata a cura del nostro Alvaro: pranzo sociale 2017

Approfondisci

Trentun’anni dopo

Sono trascorsi 31anni ed il gruppo è tornato in Valmasino, sul sasso a lato dell’Albergo Miramonti, per rifare la stessa foto. Le persone sono cambiate, mentre la passione per la montagna e la gioia di trasmetterla NO.

Sono cambiati anche i maglioni. La divisa di oggi, interamente donata da SPORTSPECIALIST è di colore giallo/nero (per gli uomini) e azzurro/nero (per le donne).

Grazie Sergio Longoni, per la tua amicizia e il tuo sostegno.
foto_gruppo_vs_2

 

Approfondisci

alpiteam al convegno dell’ASST di Monza

Il giorno 11 ottobre 2017 alpiteam parteciperà al convengo dal titolo “Il cammino come strumento di cura”. Sarà il direttore dei corsi Giuseppe Guzzeloni ad intervenire, nella sessione pomeridiana dedicata all’esperienze di Passaggio Chiave, proponendo una relazione dal titolo: alpiteam: una proposta per le Scuole di Alpinismo del Club Alpino Italiano. Un’avventura in cammino.

scarica la locandina

Approfondisci

Passaggio Chiave: cerimonia di partenza da 0 a 3000

Si è svolta martedì 12 settembre la cerimonia di partenza per il progetto da 0 a 3000 della rete Passaggio Chiave. Alla cerimonia, tenutasi presso l’auditorium dell’ATS Monza, sono intervenuti i massimi Dirigenti dell’ATS  e ASST di Monza ed il Presidente Generale del CAI Vincenzo Torti, nonché il Presidente Regionale del CAI Renato Aggio e Sergio Longoni che ha sostenuto il progetto con l’abbigliamento dei negozi Sport Specialist.  Le personalità sia del CAI che dell’ASST e ATS, che sono intervenute ne sono state altre ed altrettanto importanti, a tutti loro i nostri ringraziamenti e soprattutto auguriamo BUON VIAGGIO al gruppo.

foto: cerimonia partenza da 0 a 3000

dal sito CAI: da 0 a 3000

Approfondisci

da 0 a 3000. Un altro progetto per Passaggio Chiave

Dal 17 al 22 settembre il gruppo Passaggio Chiave camminerà nella terra abruzzese partendo dal mare per raggiungere il Gran Sasso. Ad accompagnare il gruppo ci sarà alpiteam e gli amici del CAI Abruzzo. Il progetto vedrebbe coinvolte 45-50 persone tra pazienti con problematiche di dipendenza, educatori di comunità, operatori di Noa e Sert e istruttori accompagnatori. La scelta dell’itinerario è ricaduta su luoghi che permetteranno di vivere un’esperienza a più livelli: camminare nella natura, nella storia e nella cultura del territorio, fino a vivere la dimensione verticale della montagna, fornendo, ai partecipanti, l’occasione di una rivisitazione della propria esperienza di vita attraverso un percorso interiore. Effettueranno 6 tappe dal mare alla vetta e discesa. La prima tappa sarà lungo la costa, che poi lasceranno per iniziare ad immergersi nell’entroterra e spostarsi sull’appennino. Giorno dopo giorno si avvicineranno a Campo Imperatore dal quale, al quarto giorno tenteranno la salita alla vetta del Gran Sasso lungo la via normale.

Un grande GRAZIE al CAI Abruzzo e al CAI Lombardia.

volantino

Approfondisci